Home >> Blogs >> blog di Nicola Delduce

blog di Nicola Delduce

Economia: condoni, concordati, eccetera

La Lega e i 5S litigano a proposito della "pace fiscale" che peraltro fa parte del "contratto" di Governo. E' da presumere quindi che troveranno un qualche accordo, ma la tematica è particolarmente delicata e ha a che vedere con l'atteggiamento che il nuovo Governo assumerà a proposito del contrasto all'evasione fiscale. Secondo Lega e M5s la pace fiscale dovrebbe essere una "rottamazione" delle cartelle più incisiva di quelle già introdotte dai Governi Renzi e Gentiloni.

Fisco e Futuro, Visco: “Con la tecnologia evasione dimezzata in due anni”

Intervista a Vincenzo Visco di Savino Gallo, pubblicata su Eutekne.info.

Si aspetta che ci siano ulteriori ritardi sulla fatturazione elettronica, visto il rinvio della sperimentazione sui carburanti?
“Mi aspetto che ci saranno proteste di vario tipo e scuse per creare ulteriori rinvii o, e sarebbe l’aspetto più grave, escludere alcune categorie. Personalmente penso sia inevitabile andare in quella direzione. Se il nostro Paese fosse stato governato meglio la faccenda l’avremmo risolta da tempo”.

Tra presente, passato e futuro: un contributo per una nuova sinistra

L’economia e la politica mondiale sono ancora condizionati dagli esiti della grande crisi del 2007-08, non diversamente da quanto si verificò dopo il collasso del 1929 i cui effetti furono superati solo con, e dopo, la seconda guerra mondiale. Eventi di queste proporzioni, infatti, segnano la fine della fase di sviluppo precedente, disarticolano i commerci, cambiano gli equilibri e i rapporti di forza tra economie e Paesi, pongono in discussione le specializzazioni produttive, e non è facile ripartire.

Marchionne: Epifani, "Un errore lo scontro con il sindacato"

Dare un giudizio su Sergio Marchionne e su quello che ha fatto per la Fiat non è operazione semplice; tanto più a ridosso delle drammatiche notizie sulla sua salute e della riunione dei consigli di amministrazione. Diciamo subito che lui venne chiamato alla guida della Fiat in un momento difficilissimo: fuori controllo i conti e le perdite, con obbligazioni sul debito che avrebbero consegnato alle banche la proprietà del gruppo. Oggi il gruppo fattura 140 miliardi, ha azzerato il debito, presenta un ambizioso piano industriale e vende 4 milioni e mezzo di automobili.

Per superare la Fornero chiudere i porti rischia di non funzionare e l’aumento occupazionale non basta, parola dell’Upb

I dati sull’occupazione diffusi dall’Istat mostrano il segno più, con un aumento, specificatamente, dello 0,5 per cento rispetto al mese precedente, pari a 114.000 nuovi posti di lavoro. Il tasso di occupazione si attesta così al 58,8 per cento. La crescita coinvolge gli uomini, che aumentano di 80.000 unità e le donne di 35.000. Per quanto riguarda, invece, le fasce d’età sono sempre gli ultracinquantenni a fare la parte del leone con un più 98.000 posti di lavoro in più. Mentre la fascia giovanile, tra i 25 e i 34 anni aumenta di 31.000.

5 milioni di cittadini in povertà assoluta

Sono cinque milioni i nostri concittadini considerati dall’Istituto nazionale di statistica in una condizione di povertà assoluta. Vivono in un milione e settecentosettantottomila famiglie. L’incidenza della povertà assoluta nei suoi due indicatori di riferimento, quello relativo alle famiglie e quello relativo agli individui, tocca i due picchi massimi dall’avvio della serie storica nel 2005.

L’Europa in crisi tra dazi e populismi

Non è un mistero che per molti operatori economici ma anche per numerosi attori politici il futuro dell’Europa sia avvolto in una nube imperscrutabile. E martedì 19 giugno, e non sarà certo l’ultima volta, si è assistito a due esempi di questo stato di incertezza in cui è piombato il vecchio continente.

Come ridurre l'evasione fiscale

Il contrasto all’evasione fiscale è uno dei temi meno trattati nell’attuale fase politica. La cosa non sorprende in un Paese con un’evasione di massa valutabile in 8 punti di Pil, il 20% delle entrate fiscali e il 30% di quelle tributarie.

Bce: Verso la fine del Qe

La Banca centrale europea ha indicato ieri la tabella di marcia verso la fine del Quantitative easing dopo "un'attenta valutazione dei progressi fatti" la cui conclusione è che l'aggiustamento dell'inflazione verso l'obiettivo è "sostanziale".

Pagine