Home >> Articoli >> Grano, nel 2015 l'export dell'Unione europea potrebbe superare quello degli Usa.

Grano, nel 2015 l'export dell'Unione europea potrebbe superare quello degli Usa.

23/07/2014
Secondo le stime di Stratégie Grains quest'anno si sfioreranno i 140 milioni di tonnellate. E l'anno venturo dovrebbe esserci il sorpasso sugli Usa.

L`Unione europea l’anno venturo diventerà il primo esportatore mondiale di grano. Aiutati da un clima favorevole, i coltivatori del Vecchio continente stanno godendo del raccolto più generoso dal 2008. Stratégie Grains parla in particolare nelle proprie stime di 139,4 milioni di tonnellate di grano tenero, 2 milioni in più rispetto a quanto si prevedeva solo qualche settimana fa, perché nel frattempo le piogge abbondanti hanno migliorato le rese, con la sola eccezione di Spagna e Croazia.

La produzione dovrebbe così superare del 3 per cento quella della passata stagione, che già era andata piuttosto bene. L`unico neo riguarda il grano duro, di cui l`Italia è forte produttore e consumatore, poiché è la qualità utilizzata per la pasta: in questo caso il raccolto della Ue-28 è atteso in calo del 5 per cento a 7,6 milioni di tonnellate.

Già da mesi, intanto, anche l`export di frumento sta andando a gonfie vele. Bruxelles ha già concesso licenze per altre 348mila tonnellate, portando il totale per la stagione 2013-4, che si concluderà a giugno mese, a 27,5 milioni di tonnellate: un record storico che supera ampiamente il precedente picco di 22 milioni di tonnellate nel 2008-09.

Gli Usa ancora per quest`anno dovrebbero restare sul podio: l`ultima previsione del dipartimento per l`Agricoltura (Usda) è per un export di 32 milioni di tonnellate. La stessa Usda però anticipa un crollo a 25,2 milioni di tonnellate per il 2014-15, mentre per l`Europa prevede un nuovo eccellente risultato, anche se un po' inferiore rispetto a quest`anno: 28 milioni di tonnellate.

In Usa gli agricoltori hanno avuto qualche problema meteorologico, ma soprattutto stanno snobbando sempre di più il grano a favore di mais e soia, più facili da coltivare e più redditizi, grazie però all’uso di Ogm, che negli Usa sono ammesse e utilizzate in misura crescente.

 

 

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
5 + 7 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.