Home >> Articoli >> La lotta all'evasione fiscale può portare fino a 60 miliardi l'anno da utilizzare per ridurre le imposte sugli onesti. Il progetto del Nens.

La lotta all'evasione fiscale può portare fino a 60 miliardi l'anno da utilizzare per ridurre le imposte sugli onesti. Il progetto del Nens.

11/07/2014
Anche in questo caso è arrivato il momento di cambiare verso, abbandonando la strategia dei controlli a posteriori, dei blitz, della repressione per imboccare una strada basata sullo studio dei comportamenti dei contribuenti, sull’uso consapevole delle banche dati, sull’intervento ex ante in funzione dissuasiva, sul dialogo preventivo coi contribuenti, sulle modifiche legislative.
La lotta all'evasione fiscale, considerto l'ammontare straordinario del fenomeno in Italia, può produrre una quantità di risorse finanziarie tale da poter ridurre in modo sensibile le imposte sui cittadini e sulle imprese onesti e da poter fare gli investimenti necessari per rilanciare produzione e lavoro.
 
Ma non basta parlare di lotta all'evasione, né tutti gli interventi hanno dimostrato di avere la stessa efficacia. Da questo punto di vista, la proposta più importante e con maggiore impatto potenziale, economico e politico, è stata avanzata il 12 giugno scorso dal Nens e presentata da Vincenzo Visco.
 
La proposta del Nens ( che si può legge qui in allegato) contesta e in certa misura capovolge la linea seguita dall’Agenzia delle entrate negli ultimi anni, linea basata sulla asserita prevalenza delle verifiche ex-post per il controllo dei fenomeni di evasione: gli accertamenti sulle dichiarazioni e sull'attività dei contribuenti; le operazioni a carattere dimostrativo (blitz, ecc.); l’impiego indiscriminato degli strumenti di repressione (Equitalia). Al contrario, il Nens ripropone una strategia basata sullo studio dei comportamenti dei contribuenti, sull’uso consapevole delle banche dati, sull’intervento ex ante in funzione dissuasiva, sul dialogo preventivo coi contribuenti, sulle modifiche legislative.
 
Di fatto è lo stesso tipo di impostazione che ha assicurato durante i governi di centro-sinistra rilevanti recuperi di evasione fiscale, e che i governi successivi hanno in parte compromesso, e che i governi Monti e Letta non hanno provato a recuperare.
 
Lo studio del Nens parte dall’analisi del comportamento dei contribuenti che evadono l’IVA e poi anche le imposte dirette e l’Irap, individuando 15 casi più frequenti, e propone l’introduzione di misure in grado di eliminare o ridurre gli effetti di questi comportamenti, con un potenziale recupero di evasione di 60 miliardi di euro, tra IVA, imposte dirette e Irap.
 
Se le proposte venissero attuate e producessero i risultati attesi l’evasione fiscale in Italia potrebbe essere dimezzata in 3 anni, venendosi a collocare sui livelli degli altri principali Paesi europei.
 
Le proposte sono ora all’attenzione del governo. Una loro adozione favorirebbe sia l'incasso di finanziamenti e coperture per interventi di riduzione delle imposte e sostegno dei redditi, sia un forte impatto di modernizzazione del funzionamento dell’economia.
 
Per cambiare verso anche sul tema dell'evasione fiscale è però necessario abbandonare la via della continuità, sconfiggendo coloro che, dalle posizioni conquistate durante l'epoca berlusconiana e tremontiana, sono interessati al mantenimento delle vecchie logiche, in realtà non scalfite nemmeno durante i governi di Mario Monti ed Enrico Letta. L'universo delle Finanze è d'altra parte complesso e poco conosciuto nelle sue diverse sfaccettature. A volta anche i ministri dell'Economia fanno fatica a capire fino in fondo i diversi aspetti. E di questo cercano di giovarsi tutti coloro che vorrebbero mantenere lo statu quo ante. Ma anche in questo mondo è arrivato il momento di cambiare. Almeno se si vogliono ottenere risultati che potrebbero aiutare il Paese a ripartire. 

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
1 + 10 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.