Home >> Dossier >> Fondo monetario e Wto temono che disinflazione e rallentamento della crescita aprano le porte a una stagnazione di lunga durata.

Fondo monetario e Wto temono che disinflazione e rallentamento della crescita aprano le porte a una stagnazione di lunga durata.

28/09/2016
Il Wto rivede al ribasso le stime sulla crescita del commercio mondiale. Il Fmi teme che la disinflazione diventa deflazione. Leggi in allegato i testi Wto w Fmi

Gli organismi internazionali, spinti dagli Usa, vanno all’attacco delle politiche di austerity, perché temono che la deflazione persistente e il rallentamento continuo dell’economia portino ad un avvitamento e all’avvio di una lunga  stagnazione.

Più in particolare, Il Wto, l’organismo internazionale del commercio, ha abbassato in modo radicale le stime di crescita degli scambi a livello internazionale, avvertendo che il commercio crescerà per la prima volta in tanti anni meno del Pil (leggi in allegato il testo del comunicato Wto).

Il Fondo monetario internazionale, nelle sue previsioni di ottobre, ha avvertito sul rischio che il permanere di una fase di disinflazione, dalla quale non si riesce ad uscire nemmeno con l’abenorme iniezione di liquidità avviata dalle banche centrali, possa innescare una fase vera e propria di deflazione, molto difficile da invertire (leggi in allegato il testo del Fmi).  

 

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
9 + 2 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.