Home >> Dossier >> Istat: nel secondo trimestre dell'anno migliorano i dati sull'occupazione e la disoccupazione

Istat: nel secondo trimestre dell'anno migliorano i dati sull'occupazione e la disoccupazione

12/09/2016
Sono stati 189 mila i posti in più rispetto al trimestre precedente e 439 mila quelli rispetto allo stesso periodo del 2015. In caso anche il numero degli scoraggiati. In allegato il testo integrale dell'Istat.

Nel secondo trimestre del 2016 l'occupazione complessiva è cresciuta in modo sostenuto rispetto al trimestre precedente (+0,8 per cento, 189 mila unità), con una dinamica positiva che, con diversa intensità, ha riguardato tutte le tipologie: i dipendenti a tempo indeterminato (+0,3 per cento), quelli a termine (+3,2) e gli indipendenti (+1,2). Lo certifica l’Istat nella periodica rilevazione sul mercato del lavoro.

A livello territoriale, l'aumento è stato maggiore nel Mezzogiorno (+1,4 per cento) in confronto al Centro (+0,8) e al Nord (+0,6).

Il tasso di occupazione è cresciuto di 0,5 punti percentuali, soprattutto per i 15-34enni (+0,8 punti) e per i 50-64enni (+0,6 punti). Le tendenze più recenti, misurate dai dati mensili relativi a luglio 2016, hanno mostrato, al netto della stagionalità, un'interruzione della tendenza positiva registrata nei quattro mesi precedenti, con un calo degli occupati concentrato nella componente indipendente, a fronte di una sostanziale stabilità dei dipendenti.

Rispetto al secondo trimestre del 2015, vi è stata una crescita complessiva di 439 mila occupati; un aspetto rilevante dell'espansione occupazionale è stato dato dalla significativa crescita degli occupati giovani di 15-34 anni (+223 mila su basa annua) che si affianca al perdurante incremento degli over 50. La crescita è risultata più accentuata per i dipendenti, sia a tempo indeterminato (+308 mila) sia a termine (+72 mila), ma è tornato ad essere interessare, secondo quanto ha sottolineato l’Istat, anche il lavoro indipendente, esclusivamente tra gli autonomi senza dipendenti.

Nello stesso periodo è calato anche il numero degli inattivi, soprattutto per la componente degli scoraggiati.

Il tasso di disoccupazione, dopo la stabilità congiunturale dei due trimestri precedenti, è diminuito in lieve misura (-0,1 punti) rispetto al trimestre precedente e di 0,6 punti rispetto allo stesso trimestre del 2015 con un calo tendenziale di 109 mila disoccupati.

La maggiore partecipazione dei giovani al mercato del lavoro, ha segnalato l’Istat, è stata testimoniata anche dalla diminuzione tendenziale (-252 mila) della componente delle persone Not in Education, Employment or Training (Neet).

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
3 + 16 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.