Home >> Articoli >> Presentato il Programma Economico di Liberi e Uguali.

Presentato il Programma Economico di Liberi e Uguali.

16/02/2018
Abolizione di Imu e Irap. Investimenti pubblici per tornare alla crescite e creazione del fondo unico per il Welfare.

Si è svolta giovedì 15 febbraio la conferenza stampa di presentazione del programma economico di Liberi e Uguali all’interno del comitato elettorale di via Arenula. Dal rilancio degli investimenti per tornare ad una crescita sui ritmi europei, alla riforma dell’Irpef a tutto vantaggio delle famiglie di reddito medio basso, passando per l’imposta per l’equità. Sono solo alcuni dei punti forti messi nero su bianca dagli animatori e candidati di LeU. Alla conferenza stampa hanno partecipato Maria Cecilia Guerra, Pier Luigi Bersani, il Prof. Carmelo Parello, il Presidente del Nens Vincenzo Visco, Giulio Marcon, e naturalmente il leader di LeU Pietro Grasso che ha definito il programma economico “ambizioso”, aggiungendo che “si basa sulla lotta all'evasione fiscale, il rilancio degli investimenti e sull'alleggerimento dell'Irpef per i redditi medio bassi e per le imprese”.

Il programma parte dal quadro della situazione attuale con la crescita bassa, la disoccupazione oltre il 10%, la bassa produttività, gli scarsi investimenti pubblici, l’occupazione di tipo precario, il monte ore e il Pil ancora inferiori a quelli del 2007, difficoltà di bilancio, debito pubblico elevato. E dall’asserzione di voler invertire la rotta. Questo si può fare, secondo il sistema econometrico presentato da Maria Cecilia Guerra e il Prof. Carmelo Parello, con un aumento della spesa pubblica per gli investimenti con alto moltiplicatore di 3 punti di Pil nel corso della legislatura. L’altro mezzo utilizzato è la lotta all’evasione, da cui verrebbero recuperati, secondo una stima prudenziale, 30 miliardi. Con queste risorse si potrebbe riformare l’Irpef con benefici sulle fasce di reddito medio e basse. Tra le proposte anche quella di eliminare l’Irap e dei contributi previdenziali, e l’istituzione di un fondo unico per il Welfare, finanziato con un prelievo omogeneo su tutti i redditi prodotti, sia da lavoro sia da capitale.

Vera novità da segnalare è quella definita: imposta di equità. La manovra sulle imposte prevede, nel modello presentato, la soppressione dell’Imu, delle ritenute sui redditi da capitale, di quelle sugli affitti, e degli altri prelievi esistenti sui redditi da capitale, e la loro sostituzione, a parità di gettito, con un unico prelievo personale e progressivo a base patrimoniale tra lo 0 e lo 0,1 per cento. Da questo calcolo verrebbe escluso, comunque, un valore patrimoniale di base pari al patrimonio familiare del contribuente medio.  Circa la metà dei contribuenti verrebbe così esclusa dal prelievo. Per il recupero del gettito occorrerebbe anche arginare l’elusione fiscale delle multinazionali, utilizzando le misure necessarie a tal fine, dalla web tax fino al prelievo alla fonte sui trasferimenti interni ai grandi gruppi. Con questo programma, secondo i suoi estensori, la disoccupazione potrebbe arrivare a fine legislatura al 7 – 7,5 per cento. Il Pil reale crescere dell’1% l’anno. Oltre a raggiungere una riduzione dello stock di debito di 15 punti di Pil nell’arco dei cinque anni di governo. Infine potrebbero essere recuperati 60 miliardi da utilizzare o per l’abbattimento della pressione fiscale oppure per importanti spazi di manovra da destinare all’incremento della spesa pubblica.

Qui sotto si può consultare la presentazione del Programma economico di Liberi e Uguali.

 

AllegatoDimensione
PDF icon Presentazione_PROGRAMMA LeU.pdf1016.98 KB

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
8 + 4 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.