Home >> Autori >> Maria Cecilia Guerra

Maria Cecilia Guerra

Isee: da gennaio l’avvio di una grande riforma

Con la riforma vengono prese in considerazione tutte le forme di reddito, non solo quelle ai fini Irpef come ora, ma ci sono abbattimenti per tutelare i soggetti più deboli. Si considera anche il patrimonio all'estero. Si supera l’iniquità dell’Isee attuale, troppo sbilanciato a favore dei proprietari della casa di abitazione e si tiene esplicitamente conto del fatto che i costi crescono all’aumentare della numerosità dei componenti del nucleo familiare. La riforma pone particolare attenzione al tema della disabilità. Meno autocertificazione e più controlli attraverso le banche dati.

CONTRO LA POVERTÀ: NON ALTRI BONUS MA UNA VERA RIFORMA

Le caratteristiche che dovrebbe avere l'intervento di sostegno: essere universale; legato all'insufficienza del reddito familiare; il trasferimento monetario deve arrivare direttamente dallo Stato; deve prevedere anche misure di inclusione sociale. Non ci sono scorciatoie: Se si rinuncia a un intervento organico si perde l'ennesima occasione per dare una risposta credibile.

Disuguaglianza: non bastano le politiche redistributive, bisogna intervenire anche sulle cause, a cominciare da accesso alla scuola, alla sanità, alla casa

E’ ormai indispensabile guardare anche alle cause della formazione delle disuguaglianza, per prevenire gli effetti. Quindi bisogna dare vita a politiche redistributive, ma anche, come si dice con un neologismo, a politiche predistributive: cioè a politiche che modifichino profondamente i modi con i quali funzionano i mercati e i risultati a cui portano. Non è cosa facile. A sinistra significa fare finalmente i conti con l’ottica neoliberista che anche noi abbiamo spesso sposato e secondo cui i mercati si autoregolano. Bisogna inoltre tenere presente che le disuguaglianze hanno tante facce che interagiscono con i principali aspetti della vita degli individui: reddito, ma anche salute, istruzione, abitazione. In ciascuno di questi campi vediamo l’importanza dell’agire pre e dell’agire post.